“Tra Simbolismo e Liberty. Achille Calzi” al Mic

Faenza - Fino al 18 Feb 2018
Orari: martedì-venerdì 10-16; sabato, domenica e festivi 10–17,30

Chiuso il lunedì, il 25 dicembre, il 1° gennaio
“Tra Simbolismo e Liberty. Achille Calzi” al Mic Arte e Cultura

Dove

Museo internazionale delle Ceramiche MIC - Viale Alfredo Baccarini, 19 - Faenza
Tel. (+39) 0546.697311
www.micfaenza.org

Descrizione

Mostra originale dal titolo “Tra Simbolismo e Liberty. Achille Calzi” a cura di Ilaria Piazza: un lavoro antologico che riporta alla ribalta un artista prematuramente scomparso, ma che è stato una figura di rilievo per la produzione simbolista e liberty, non solo faentina.

Achille Calzi (1873 -1919) personalità poliedrica e ricettiva incarna la figura dell’artista a tutto tondo, portavoce delle nuove istanze della modernità. È stato figura importantissima non solo per la vita culturale di Faenza e della corrente Liberty italiana, ma artista attivo nella produzione e innovazione della ceramica applicata all’architettura e alla manifattura non solo ceramica in Italia.

La sua produzione è vastissima e passa senza soluzione di continuità dalla pittura alla grafica, dalla ceramica al disegno, dalla decorazione per interni ed esterni all’ebanisteria e dalle piastrelle, alla caricatura e alla satira.

Il suo lavoro, in questo modo, è strettamente connesso con la vita e la storia della città di Faenza, città molto amata e dalla quale, nonostante i numerosi viaggi e le conoscenze illustri fa di tutto per non andarsene.

Calzi è un intellettuale di riferimento in città: diventa direttore della Pinacoteca e del Museo Civico e poi della Scuola di Disegno e Plastica di Faenza, fonda una rivista di satira (Bric à Brac) e scrive insieme ad Antonio Messeri la studio storico artistico “Faenza nella storia e nell’arte”.

La mostra sarà corredata da una pubblicazione che vuole essere, allo stesso tempo, catalogo e guida ragionata all’opera di Achille Calzi.

redazione Ravenna eventi

Dettagli

Ingresso euro 8, ridotto euro 5, studenti euro 3.

Mappa