Luigi Martini parla della sua ricerca sul P.C.d'I.

Ravenna - 27 Nov 2021
Ore 17
Luigi Martini parla della sua ricerca sul P.C.d'I. Arte e Cultura

Dove

Sala Spadolini della Biblioteca Oriani - via Corrado Ricci 26 - Ravenna
Tel. 0544 30386

Descrizione

La presentazione del volume “K1-Vertigine di ideali. I comunisti nell’antifascismo ravennate 1920-1926” (Danilo Montanari editore) di Luigi Martini sarà presieduta da Alessandro Luparini, direttore della Biblioteca Oriani. Con l’autore Luigi Martini interverranno Guido Ceroni per la Fondazione “Bella Ciao”, Natalina Menghetti, già sindaca di Alfonsine, e Francesco Giasi, direttore della Fondazione Gramsci.

Inizia con questo volume la pubblicazione della corposa e documentatissima ricerca che Luigi Martini ha dedicato alla storia del P.C.d’I. in provincia di Ravenna dalla fondazione alla Seconda guerra mondiale. La parte di gran lunga meno conosciuta.

Una ricerca iniziata molti lustri fa, poco dopo il 1971. Così egli poté attingere a preziose informazioni da militanti allora ancora viventi, e testimonianze e fonti indirette allora pienamente impegnate nella vita politica e capaci di trasmettere e interpretare quelle antiche memorie.
Cosa che oggi sarebbe palesemente impossibile e che a Luigi Martini ha realizzato valendosi degli archivi locali e di quelli regionali e romani, e anche della fattiva collaborazione della Fondazione Gramsci.

Il risultato è importante perché consente di mettere a disposizione degli studiosi e degli appassionati la sintesi di un materiale documentario, di testimonianze, di intrecci e storie che altrimenti sarebbero fatalmente destinate all’oblio.
Intrecci e storie che contribuiscono a mostrare – sotto il segno di una faticosa ma mai interrotta rete cospirativa e presenza nel corpo sociale dei ceti popolari, anche dove e quando fu esilissima – come e perché, dopo la guerra, il P.C.I. ravennate riuscisse a diventare una grande forza di massa, capace di essere protagonista tanto nelle istituzioni quanto nel corpo sociale.

redazione Ravenna eventi

Dettagli

Ingresso libero.
Il volume è stato pubblicato grazie al contributo della Fondazione “Bella Ciao”.

Mappa