Image
Arte e Cultura
“Prodigy Kid”, mostra degli artisti Francesco Cavaliere e Leonardo Pivi

“Prodigy Kid”, mostra degli artisti Francesco Cavaliere e Leonardo Pivi

Quando
Fino al 08 Gen 2023
Orario
Da martedì a sabato ore 9-18; domenica e festivi ore 10-19.
Inaugurazione venerdì 7 ottobre alle ore 17.30.
Dove
Ravenna - MAR Museo d'Arte della città di Ravenna - Via di Roma 13
Descrizione

Nell’ambito della VII edizione 2022 della Biennale di Mosaico Contemporaneo, il MAR presenta Prodigy Kid, un’ampia mostra degli artisti Francesco Cavaliere e Leonardo Pivi, ospitata nelle sale del primo e del secondo piano del museo, dall’8 ottobre 2022 all’8 gennaio 2023. L’inaugurazione, venerdì 7, sarà alla presenza degli artisti.

 

Programma di venerdì 7 ottobre: 

dalle ore 17.30 inaugurazione della mostra

dalle ore 18.30 alle ore 19.30 e dalle 21 alle 22 performance Eidolon. Osservatorio primo area Sagittaria degli artisti Francesco Cavaliere - Leonardo Pivi in mostra

 

Programma di sabato 8 ottobre:

per  l'inaugurazione della VII Biennale di Mosaico Contemporaneo di Ravenna e per la Notte d'Oro

apertura straordinaria del MAR dalle ore 18.00 alle ore 24.00 

ore 20.30 presso la Loggia del primo piano presentazione Super Heroes project unveiling Luca Barberini & Somec Biciclette

dalle ore 21.30 Performance musicale speciale a cura di Magma: Spime.im con Davide Tomat, Gabriele Ottimo, Marco Casolati, Matteo Marson, collettivo artistico che mira a mettere in relazione il mondo musivo contemporaneo con l'arte digitale e la musica elettronica attraverso un'esperienza audio-visiva.

 

La mostra Prodigy Kid, a cura di Daniele Torcellini, è suddivisa in tre sezioni. Le prime due sono dedicate a una selezione di opere realizzate autonomamente dagli artisti, nel corso delle loro attività personali. La terza è dedicata alle serie di lavori realizzate in collaborazione. Dal 2018, Francesco Cavaliere e Leonardo Pivi fanno infatti convergere le loro pratiche in un lavoro condiviso, stratificato e ricco sia dal punto di vista dei significati sia dal punto di vista dei media, con una predilezione per installazioni di mosaici, sculture e oggetti, animate da azioni performative, parole narrate e scritte, esplorazioni sonore.

 

La più recente serie di lavori inediti, pensati e realizzati appositamente per la mostra, è ispirata a una nota leggenda che riguarda la città di Ravenna: la nascita di una creatura affetta da gravi deformità fisiche, avvenuta nei primi giorni del marzo 1512, il cosiddetto Mostro di Ravenna. Nel contesto sociale, politico e culturale dell’epoca, che vede riemergere le arti divinatorie, il Mostro di Ravenna è interpretato come presagio della sanguinosa battaglia che proprio nella città romagnola si sarebbe combattuta di lì a poco, tra la Lega di Cambrai e la Lega Santa. Nell’arco di poco tempo, la notizia della nascita della strana creatura si diffonde prima a Roma, poi nel resto d’Europa, attraverso testimonianze scritte, dipinti, disegni e incisioni che rappresentano le sembianze del Mostro: dal suggestivo disegno di Leonardo Da Vinci, ora parte del Codice Atlantico, fino alla celebre incisione pubblicata da Ulisse Aldrovandi nel suo Monstrorum historia cum Paralipomenis historiæ omnium animalium.

 

Come le parole e le immagini dell’epoca hanno dato forma e significato a un corpo ibrido, così oggi i due artisti, attraverso gli strumenti della narrazione, della scrittura, del mosaico e dell’installazione, trasfigurano il Mostro di Ravenna in Prodigy Kid. Nella tradizione antica, medievale e rinascimentale il mostro prefigura avvenimenti futuri e avverte delle volontà divine. Consapevoli delle complesse dinamiche sociali e culturali che contribuiscono a definire i contorni di una leggenda, gli artisti sottolineano il carattere prodigioso del Mostro di Ravenna, accogliendo e amplificando il senso di meraviglia nei confronti di ciò che appare trascendere l’ordine naturale delle cose. Un corpo non conforme, interpretato come presagio di guerra in passato, diviene guida simbolica per l’esplorazione delle infinite possibilità dell’immaginazione.

 

Accanto a questa più recente serie di lavori, le sale espositive del secondo piano del Museo sono dedicate ad altre serie realizzate in collaborazione. Il Ciclo del Solimandante, creato per la mostra collettiva Raymond – evento satellite di Manifesta 12 – ha inaugurato il prolifico sodalizio tra i due e l’intreccio tra narrazione, immagine e suono che caratterizza la loro poetica. Il ciclo, presentato nel 2018 presso il Grand Hotel et Des Palmes di Palermo e ispirato alla letteratura lucidamente fantastica e labirintica di Raymond Roussel, si compone di mosaici “da lettura” e sculture, un racconto e un’ambientazione sonora, confluiti in un disco di prossima uscita per l’etichetta statunitense Poole Music.

 

La serie Anubis vs Baboon, presentata nel 2019 presso lo spazio milanese Gluck50, sede per residenze e per interventi d’arte contemporanea, è dedicata al mosaico di Anubi, del II-IV sec. d.C., conservato presso il Museo della Città di Rimini. Raffigurante una misteriosa creatura cinocefala tra animali reali e fantastici, l’opera, parzialmente lacunosa, è stata oggetto di studio dal punto di vista formale, iconografico, materiale e dello stato di conservazione. In un singolare equilibrio tra i modi della ricerca archeologica e storico-artistica e quella propriamente artistica, gli artisti hanno sposato l’approccio filologico dell’una e quello immaginifico dell’altra, con l’obiettivo di riattivare il mosaico nel nostro presente, disvelandone significati possibili e alternativi.

 

 

Dettagli
Ingresso € 8 intero; € 6 ridotto e gruppi; € 5 studenti e insegnanti.
Mappa
Oggi in evidenza